Post

Il mistero dei commenti

Immagine
Amici blogger, approfitto di questi cinque minuti per rispondere ad uno dei vostri quesiti: perché i vostri commenti “spariscono”? I vostri commenti non svaniscono nel nulla, sono semplicemente sottoposti a moderazione. Come immagino succeda a molti di voi, sono una persona impegnata e fra lavoro e altre attività non ho il tempo necessario per seguire sempre il blog. Pertanto fino a quando non sono presente, non vedrete i commenti pubblicati.
Portate pazienza e ricordate che Ofelia passa, quando può, durante il fine settimana!

La Longa Esse!

Immagine
Vi è mai capitato di andare al supermercato di sabato, perché è il solo giorno libero che avete a vostra disposizione per fare un po’ di spesa miserella? Non tanto, si intende, giusto quello che ti consente di tirare fino alla settimana successiva senza che il frigo ti ripeta in modo ossessivo “riempimi!”. A me succede, spesso e volentieri, e ogni volta è peggio.
Devo destreggiarmi fra carrelli strapieni di roba, e ormai penso siamo ufficialmente giunti alla Quarta Guerra Mondiale perché la Terza si è consumata lo scorso anno in occasione del Natale, persone che camminano con la testa da una parte e la spesa dall’altra, scaffali che trasbordano prodotti e che poi alla fine non vengono nemmeno svuotati, il tutto cercando di arrivare sani e salvi alla cassa.
Così mentre tento di sopravvivere all’ultima spesa tra due confezioni di prosciutto cotto perse tra duecentotrentasei panettoni e altrettanti pandori che ormai trasbordano da ogni parte del supermercato (e non siamo ancora a dicemb…

Maschio tieni le mani nelle tue tasche!

Immagine
Il caso Weinstein, di cui ormai si parla da settimane, ha sconvolto il mondo di Hollywood scoperchiando un nuovo vaso di Pandora. Che tutte queste accuse siano vere o false, non sta a me giudicare perché non sono informata sui fatti né conosco le persone coinvolte per cui non parlerò di quanto è successo, fin troppi ne stanno parlando e il più delle volte anche a vanvera.
Mi interessa invece il fatto che questo scandalo abbia posto l’accento su un mondo che troppo spesso viene lasciato nell’oblio, quello delle molestie che le donne subiscono sul posto di lavoro (e non solo sul lavoro). Ogni giorno, in tutto il mondo, un sacco di donne sono costrette a subire avance, complimenti poco graditi, molestie psicologiche e fisiche da parte dei colleghi e dei capi (ovviamente tutti uomini).
Numerosi sono i casi di donne molestate al lavoro costrette a dimettersi, incentivate a lasciare il lavoro, obbligate al trasferimento in altre unità produttive. Al contrario il molestatore, spesso un super…